Cercare :
Ricerca avanzata

Autore Filo della discussione: Origini del cognome Cortese  (Letto 2626 volte)
bellystefy

Messaggi: 2

accesso albero
Standard

« il: 04 Luglio 2011, 19:03:04 »

Cerco notizie e informazioni sul cognome Cortese.Da dove proviene? Io vivo a Padova.
kattoliko

Messaggi: 10


« Rispondere #1 il: 04 Luglio 2011, 22:33:27 »

Cortese è diffuso in tutt'Italia, Cortesi è specifico di Lombardia e Romagna, con ceppi anche nel fiorentino ed a Roma, Cortesini oltre al nucleo romano con un ceppo anche a Marino, ne ha uno anche nel cremonese, possono essere originati da soprannomi derivanti dal fatto di essere a servizio alla corte di qualche signorotto, come è possibile che derivino da uno dei tanti toponimi con la radice Corte-, come Corte (PD) - (TN) o Corte Brugnatella (PC), Corte de' Cortesi (CR), Corte Palasio (LO), o uno dei tanti altri.
integrazioni fornite da Angelo Cortesi
Cortesi è un cognome sufficentemente diffuso in Italia, ma la mia famiglia discende da un Corradus Cortesius pincipe di Bretagna che giunse in italia nel III° secolo d.c. a Vicus Abenza, un toponimo ora scomparso nella zona di Ferrara, a capo di una legazione che doveva conferire con il vescovo di quella località. A Ferrara sembrava esserci un castello dei Cortesi luogo della sovranità popolare. Da quel che mi risulta i Cortesi di quel ramo sono solamente nobili e servitori dell'Impero, lo stemma della casata è d'oro alla torre al naturale con leone illeopardito brandente la spada terrazzato di verde, cimiero l'aqula d'imperio. Tracce della casata dei Cortesi possono ritrovarsi lungo la via Francigena da Ravenna, in Toscana a Sangimignano (torre del diavolo o dei Cortesi) ed a Todi (più esattamente Casigliano) dove, narra la leggenda, la moglie di Angelo Cortesi usava farsi il bagno nel latte di asina per mantenere la giovinezza.

http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/cognomi0003cor.htm

Ma il mio Feltracco non è riuscito neancora a trovarlo, mi arrangerò in qualche modo, forse dal celtico "Field" = terra, campo e "acco" = proprietario "Colui che possiede i campi di terra, coltivatore diretto".
bellystefy

Messaggi: 2

accesso albero
Standard

« Rispondere #2 il: 12 Luglio 2011, 18:20:31 »

grazie mille Sorriso
baronerenato
Messaggi: 2


« Rispondere #3 il: 29 Agosto 2016, 11:20:19 »

il cognome CORTESE - CORTESI  si è formato nel periodo longobardo.

I LONGOBARDI
Il regno longobardo era molto tollerante in materia religiosa e giuridica.
I longobardi erano cristiani ma appartenevano all'eresia ariana, e spesso nelle città convivevano pacificamente un vescovo ariano ed uno cattolico.
I LONGOBARDI LOTTIZZANO IL POTERE
I re longobardi regalarono ai loro amici e parenti longobardi ampi feudi e in quei territori vigeva il diritto consuetudinario longobardo, le poche e semplici leggi di questo popolo barbarico ed analfabeta, tramandate oralmente. In pratica i signorotti longobardi spadroneggiavano sui propri contadini come più piaceva loro. Significativo  è che, in Friuli  l'autorità del patriarcato che subentra con il suo potere temporale ai longobardi, più e più volte sostituisce nei secoli le famiglie a capo de castelli e dei feudi, con altre, anche in epoche relativamente recenti, non riuscendo mai ad estinguere queste fiere tradizioni barbariche.
I CORTESE AMMINISTATORI DEI BENI DEL RE LONGOBARDO IN ITALIA
I Re Longobardi, disponendo in realtà di pochi uomini, una volta conquistata quasi tutta l'Italia, non si presero tutte le terre per loro, ma vennero a patti coi popoli conquistati, decurtarono solo in parte i possedimenti dei signorotti latini discendenti dalle potenti famiglie patrizie ed imperiali romane che mantennero il diritto romano per quei territori lasciati loro. Destinarono una altra parte delle conquiste ai propri protetti, amici, familiari. e una parte se la tennero come possesso personale affidandola a proprio nome agli AMMINISTRATORI CORTESI.
CHI ERANO I CORTESE - CORTESI
I Cortesi uomini istruiti di origine e cultura latina, spesso rampolli di famiglie ricche che con le invasioni barbariche avevano perso il loro patrimonio familiare, rispondevano direttamente al re, e quindi il titolo longobardo di Cortese corrisponde a quello franco di Conte e Visconte.
Presto il loro ufficio divenne ereditario fino all'arrivo di Carlo Magno in Italia, quando solo una parte dei Cortesi vide confermata la propria investitura per se e per i propri discendenti, salvo l'aver fatto giuramento al nuovo sovrano franco.
Molte famiglie Cortese - Cortesi persero presto il loro cognome assumendo il nuovo cognome dal territorio in loro possesso e affiancandolo col titolo di Conte, corrispettivo franco del loro grado nell'amministrazione.
SIGNIFICATO DEL COGNOME CORTESE
I Cortesi, come ho scritto, erano gli amministratori delle Corti (longobarde) cioè dei centri amministrativi fortificati che gestivano le varie masserie, fattorie di proprietà personale della corona longobarda, e rispondevano direttamente al sovrano.
IL SIGNIFICATO DI CORTE
Si chiamano Corti perché sono dei recinti con mura corte, corte rispetto alle mura di confine o di città, cioè brevi in lunghezza, ovvero delle mura circoscritte attorno a uno spazio ridotto, e così l'intero complesso edilizio ed amministrativo penderà così il nome di Corte.
DOVE ERANO SITUATE LE CORTI
Le Corti erano dislocate in tutto il territorio longobardo: nella pianura padano-veneta e nelle alture che la circondano, in oltre i longobardi si erano insediati pure in Campania, nell'attuale provincia di Benevento.
LA VITA DEL CORTESE NELLA CORTE
Nella Corte si teneva la contabilità generale, si programmava le semine delle culture, si gestiva il raccolto dei campi, la costruzione e manutenzione di magazzini, fienili, granai, ponti, mulini, forni, fucine, fortificazioni della corte stessa, e delle varie masserie.
A causa delle difficoltà di comunicazione di quei tempi, il cortese gestiva anche la giustizia in nome del re su i territori di sua pertinenza, come se fosse un piccolo sovrano lui stesso, quindi c'era un tribunale, che lui  presiedeva, una prigione e un boia.I Cortese sposano i figli all'interno del loro mestiere e della loro classe sociale, cioè i fogli di altri Cortese. Come tutti i mestieri anche quello del Cortese tendeva a divenire ereditario, il padre passava al figlio i cosiddetti segreti del mestiere come altrettanto faceva qualsiasi artigiano, salvo dover nei primi tempi chiedere la conferma dell'investitura al re longobardo.

I CORTESE DI SPAGNA E DUE SICILIE
Al sud il cognome ha anche origine spagnola, soprattutto nell'area siciliana. Le Cortes erano, le adunanze, gli arenghi, della piccola nobiltà fedele alla corona in Spagna, a cui partecipavano anche gli altri rappresentanti del potere. Quindi il cognome Cortese di origine spagnola è equivalente come origine e significato a quello italiano di origine longobarda.
Da tenere conto che un Cortes spagnolo fu famoso conquistatore delle Americhe e che beneficò di titoli stratosferici. I Cortesi spagnoli arrivarono ad essere Vicerè e ad avere altri titoli importanti in Messico, in Spagna e in Sicilia e i loro discendenti si imparentarono con le famiglie reali spagnole e con la più alta nobiltà d'Europa.

SIMBOLOGIA NEGLI STEMMI DEI CORTESE
Il simbolo classico della Corte e dei Cortese, che spesso si può ritrovare anche negli stemmi delle famiglie che hanno cambiato il cognome in un altro, è la troncatura orizzontale a metà dello stemma, spesso merlata o a volte sostituita da un castello.
Nella parte inferiore a volte ci sono delle bande da cavaliere e in quella superiore elementi decorativi  inseriti successivamente che richiamano al nuovo cognome ovvero al territorio posseduto dalla famiglia, a qualche impresa famosa o comunque al ruolo della famiglia, spesso sono aquile imperiali, leoni reali, forti e coraggiosi, torri di forza invincibile, croci e piante fedeli e cristiane o altre cose.
VICERE'
I Cortese siciliani hanno sullo stemma le due Colonne d'Ercole simbolo dello Stretto di Gibilterra, anticamente considerato il limite invalicabile delle acque navigabili. Le stesse colonne sono sullo stemma dei Re di Spagna, grazie a Cristoforo Colombo ma anche al feroce conquistatore Ferdinando Cortese che di sua iniziativa creò il primo regno in America in nome dei sovrani spagnoli, autoproclamandosi Viceré del Messico.
IN ITALIA SETTENTRIONALE
Uno degli stemmi dei Cortese del NordItalia ha lo scorpione ad indicare l'origine non cattolica della famiglia, poi sostituito con una croce di Lorena dello stesso colore, simbolo della avvenuta conversione.
ALTRE COSE
Poi, si può ipotizzare per Il nero, abbinato al bianco, una possibile origine longobarda, il bianco e nero erano i colori della famiglia reale longobarda.
Il rosso invece indicava l'affinità con la cultura romana, e poi al tempo del Sacro Romano Germanico Impero quella imperiale, anche se successivamente il rosso viene talvolta sostituito con l'oro, anche colore imperiale romano.
Le tre mezzelune, presenti in uno stemma, non sono necessariamente islamiche, ma possono essere simbolo della Vergine o di Diana, e vengono sostituite con tre gigli simbolo di Cristo, segno di vassallaggio ai franchi (vedi: capo d'onore).
I polli perché la corte nel suo significato ristrettivo è l'aia, l'area scoperta del pollaio.

Il cognome Cortese oggi è un cognome italiano molto diffuso segno degli amori fortunati e prolifici delle famiglie Cortese - Cortesi.
Come tanti altri è ricco di storia, e per secoli, un millennio a volte, molte famiglie Cortese mantennero titoli nobiliari e possedimenti anche importanti.

Il cognome Cortese è presente anche nelle altre lingue europee: Francese De la Court oppure Court-; Lo spagnolo Cortes che nella zona italiana sotto la dominazione spagnola si italianizza in Cortese; il greco Curtasi originari di Gortina a Creta scolari all'università di Padova, il tedesco Hofmann, Il polacco Soviesky che furono anche Re di Polonia. Le persone spostandosi da un paese all'altro traducevano, a volte partendo dal corrispettivo in latino anche adattavano il proprio cognome facendolo sembrare originario del nuovo ambiente culturale.

Per rispondere alla tua domanda esiste anche uno stemma nobiliare dei Cortese padovani.




« Last Edit: 30 Agosto 2016, 08:13:10 per baronerenato »
baronerenato
Messaggi: 2


« Rispondere #4 il: 30 Agosto 2016, 08:22:43 »

Gregorio Cortese fu Abate a San Giorgio Maggiore, il convento benedettino sull'isola di fronte a San Marco a Venezia e fu grande amico del suo coetaneo l'illuminato Doge Gritti ed assieme ad alcuni pochi altri personaggi dell'epoca resero la città di Venezia faro di civiltà e progresso per il mondo di allora e di oggi. All'epoca Venezia era la città più colta e ricca dell'Europa, centro dei commerci, dell'arte, della produzione orefice e di altre manifatture di lusso, e dell'editoria.
Vai a :  
 


Powered by SMF 1.1.8 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC